Il Sito Reale di Capodimonte: Il primo bosco, parco e palazzo dei Borbone di Napoli

##submission.authors##

Francesca Capano
Università degli Studi di Napoli Federico II

Scheda

Logo_FedOAPress

Editore: FedOA Press (Federico II University Press). 

Collana: UrbsHistoriaeImago. Storia e immagine dei territori, dei centri urbani e delle architetture. 

Pagine: 169.

Lingua: Italiano; inglese.

NBNhttp://nbn.depositolegale.it/urn:nbn:it:unina-22023

Abstract: Capodimonte fu il primo palazzo reale dei Borbone di Napoli ma, trascurato a seguito della nascita delle regge di Portici e Caserta, fu costruito molto lentamente, potendo considerarsi terminato solo un secolo dopo la posa della prima pietra (1738). Lunghi anni che videro susseguirsi alla direzione del Sito reale molti architetti, alcuni annoverabili tra le figure più rappresentative della storia dell’architettura e dell’arte a Napoli tra Sette e Ottocento. Il Sito reale nacque in origine come riserva di caccia nei pressi della capitale e luogo di ristoro indispensabile al giovane Carlo di Borbone, che due anni dopo decise di costruirvi anche un palazzo reale. Tale decisione era destinata a modificare gli aspetti territoriali della collina settentrionale napoletana e a condizionare le scelte urbanistiche per la Napoli preunitaria. Questo studio, sulla scorta di un’attenta ricerca documentaria e iconografica, mette in evidenza il complesso sviluppo della reggia e del suo parco, che ancora oggi scontano gli aspetti più controversi del progetto e della sua esecuzione, emersi sin dal primo atto fondativo.

 

Indice

Presentazione

Alfredo Buccaro                                                                                                       7

Introduzione / Introduction                                                                           11

Capitolo 1

Il luogo                                                                                                                   21

Capitolo 2

Il bosco, il parco e la reggia nel Settecento                                                 31

  1. Il contesto storico e sociale
  2. Capodimonte e Carlo di Borbone: un bosco per la caccia in città
  3. Il palazzo reale e il parco. Il primo progetto: Medrano e Canevari
  4. Da riserva di caccia a Sito reale: Ferdinando Sanfelice
  5. Le trasformazioni nella seconda metà del Settecento: gli interventi di Astarita e Fuga
  6. Capodimonte tra i contemporanei
  7. Bosco, parco, giardini e tenuta agricola

Capitolo 3

Il Decennio francese: la ripresa dei lavori e l’ampliamento del parco   85

  1. I sovrani francesi e i lavori al palazzo
  2. Un grande unico Sito reale per il palazzo e il parco
  3. Le infrastrutture per la reggia in collina

Capitolo 4

La Restaurazione e i lavori di completamento                                           105

  1. Le opere nel palazzo tra decorazioni e costruzioni
  2. La trasformazione del bosco in giardino
  3. L’abbellimento della strada di Capodimonte

Conclusioni                                                                                                           137

Fonti bibliografiche                                                                                            143

Fonti archivistiche                                                                                              153

Fonti iconografiche e cartografiche                                                              155

Indice dei nomi                                                                                                    163

Profilo dell'Autore

Francesca Capano, Università degli Studi di Napoli Federico II

Francesca Capano è architetto e storico dell’architettura e della città, PhD in Storia e critica dell’architettura, collabora dal 2002 presso il Centro Interdipartimentale di Ricerca sull’Iconografia della Città Europea (CIRICE) dell’Università di Napoli Federico II. Ha ricevuto riconoscimenti scientifici nazionali (ASN 2012) ed è stata titolare di corsi di Storia dell’architettura e di Storia della città nei corsi di laurea in Ingegneria Edile e Ingegneria Edile-Architettura presso l’ateneo federiciano. Ha partecipato a convegni nazionali e internazionali, e pubblicato numerosi saggi e due monografie, tra cui si segnalano: Caserta. La città dei Borbone oltre la reggia (1750-1860), Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane 2011; Misura e rappresentazione della capitale. Territori e città nelle carte di Giovanni Antonio Rizzi Zannoni e Luigi Marchese, in Il Mezzogiorno e il Decennio: architettura, città, territorio, a cura di A. Buccaro, C. Lenza, P. Mascilli Migliorini, Napoli, Giannini editore 2012; Gli archivi fotografici per la Storia dell’architettura e del paesaggio, in «eikonocity», n. 1, a.1, 2016.

##catalog.coverImageTitle##
Pubblicato
March 7, 2017

##monograph.miscellaneousDetails##

ISBN-13 (15)
978-88-6887-011-9
Data di pubblicazione (01)
2017-03-07
doi
10.6093/978-88-6887-011-9