Gli uomini e le cose: I. Figure di restauratori e casi di restauro in Italia tra XVIII e XX secolo. Atti del Convegno Nazionale di Studi (Napoli, 18-20 aprile 2007)

##submission.authors##

Paola D'Alconzo
Università degli Studi di Napoli Federico II
http://orcid.org/0000-0003-4322-2386

Scheda

Editore: ClioPress. Editoria digitale per la didattica e la ricerca storica.

Pagine: 468.

Lingua: Italiano.

NBNhttp://nbn.depositolegale.it/urn:nbn:it:unina-22056

Abstract: Gli interventi raccolti in questo volume hanno come oggetto le attività di tutela e conservazione del patrimonio storico-artistico e archeologico promosse in Italia tra la seconda metà del XVIII secolo e la prima metà del XX, riferite ad opere differenti per cronologia e materiali (dipinti murali e quadri da galleria, sculture medievali e rinascimentali, mosaici, vasi di scavo, interi contesti archeologici), con il naturale corollario dei dibattiti teorici e delle affermazioni di metodo che le accompagnarono.

Nel titolo, il richiamo a Fernand Braudel riassume il desiderio di tracciare un percorso non astratto, ma ancorato alla realtà degli oggetti e di coloro che nel tempo se ne sono occupati. La scelta di un arco temporale relativamente ampio, come pure la decisione di non concentrare l’attenzione su un’unica tipologia di oggetti, intendono portare in evidenza l’evoluzione diacronica di concetti generali come quelli di conservazione e restauro, cogliendo nessi e differenze tra le fasi pre e post-unitarie del frastagliato panorama nazionale, ma ancor più mirano a ricostruire la storia conservativa delle opere, nella speranza di fornire anche in tal modo uno strumento di interpretazione a chi, preposto all’attività di tutela, possa giovarsene in fase di progettazione dei futuri interventi: una corretta conservazione programmata, infatti, non può ormai prescindere dalla consapevole conoscenza di una dimensione storica che relativizzi qualsiasi operazione da compiere oggi sulle opere.

Indice

Premessa, di Paola D’Alconzo

Chiara Piva, Il problema della “pelle” nel restauro della scultura antica alla fine del Settecento: una delicata questione tra teoria e prassi

Vito Chiaramonte, Valerio Villareale, scultore e conoscitore, tra cultura antiquaria e restauro

Alba Irollo, L’Officina dei restauri dei marmi del Real Museo Borbonico: spunti per la storia, le figure professionali e i metodi

Andrea Milanese, «Pour ne pas choquer l’oeil». Raffaele Gargiulo e il restauro di vasi antichi nel Real Museo di Napoli: opzioni di metodo e oscillazioni di gusto tra 1810 e 1840

Maria Ida Catalano, Telaiuoli e quadrari a Napoli nel Settecento

Paola D’Alconzo, Da «imbrattatele» a «uomo di merito nella ristaurazione». Giovanni d’Episcopo, restauratore di dipinti del Real Museo di Napoli tra antico regime e Decennio francese

Maria Beatrice Failla, Lo Stabilimento del ristauro de’ quadri e la Galleria dei Classici Italiani nel Palazzo Reale di Torino degli anni venti del XIX secolo

Federica Giacomini, Pietro Camuccini restauratore, tra mercato antiquariale e cultura della tutela

Giuseppina Perusini, Restauro in Friuli nel primo Ottocento: Pietro Cernazai e la sua incompiuta Storia del restauro del 1841

Luisa Spatola, Gli affreschi di Risalaimi. Vicende conservative in età sabauda

Marina Santucci - Maria Tamajo Contarini, Fra Accademia e Museo. Casi di restauro di dipinti del Real Museo Borbonico di Napoli negli anni quaranta dell’Ottocento

Stefania De Blasi, Scambi tra la Reale Galleria di Torino e la National Gallery di Londra alla metà del XIX secolo

Marco Mozzo, Vicende di mercato e politiche di tutela in Veneto nel secondo Ottocento: il caso della pala “carpaccesca” di Noale

Martina Visentin, L’Incredulità di San Tommaso. La vendita del Cima di Portogruaro

Patrizia Agnorelli, Luigi Mussini tra restauro e rifacimento: la Ruota della Fortuna del pavimento del Duomo di Siena

Piergiacomo Petrioli, Enea Becheroni scultore e restauratore a Siena: nuovi documenti

Donata Levi, Materia e immagine: il dibattito sul restauro dei mosaici a Venezia e Torcello tra rifacimento e conservazione

Silvia Milana, Restauro del mosaico in Vaticano nella prima metà del Novecento: i Mattia, spunti per una ricerca

Rossella Fabiani, L’esercizio della tutela nella cattedrale di San Giusto a Trieste prima del 1918. L’attività della Central Commission fra impegno e dibattito

Silvia Cecchini, La città e la sua storia: Roma tra restauro filologico e restauro scenografico

Matteo Panzeri, Tra Cavenaghi e Pellicioli: restauratori e storici dell’arte in Milano tra Ottocento e Novecento

Paolo Orizio, Primi esiti della ricerca ASRI sull’archivio di Mauro Pellicioli

Indici

 

Downloads

Download data is not yet available.

Profilo dell'Autore

Paola D'Alconzo, Università degli Studi di Napoli Federico II

Paola D’Alconzo è docente di Museologia e Restauro presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – dopo aver lavorato per alcuni anni come restauratrice di dipinti, si è orientata verso il settore della ricerca storica applicata ai temi della tutela normativa, della conservazione e del restauro del patrimonio storico-artistico dell’Italia meridionale. Oltre a diversi studi dedicati a questioni particolari, ha pubblicato L’anello del re. Tutela del patrimonio storico-artistico nel Regno di Napoli (1734-1824) (Edifir, 1999), e Picturæ excisæ. Conservazione e restauro dei dipinti ercolanesi e pompeiani tra XVIII e XIX secolo («L’Erma» di Bretschneider, 2002).

##catalog.coverImageTitle##
Pubblicato
December 24, 2017
Discipline

##monograph.miscellaneousDetails##

ISBN-13 (15)
978-88-88904-12-2
Data di pubblicazione (01)
2007-12-15
doi
10.6093/978-88-88904-12-2