Territorio, popolazione e risorse: strutture produttive nell’economia del mondo romano

##submission.authors##

Giovanna Daniela Merola
Università degli Studi di Napoli Federico II
https://orcid.org/0000-0002-3589-1101
Alfredina Storchi Marino
Università degli Studi di Napoli Federico II
https://orcid.org/0000-0001-8187-8285

Scheda

Logo_FedOAPress

 

Editore: FedOA - Federico II University Press 

Collana: Clio. Saggi di scienze storiche, archeologiche e storico-artistiche

Pagine: 176

Lingua: Italiano

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn:nbn:it:unina-26910

Abstract: Il volume trae spunto dalle relazioni discusse nel Convegno Territorio, popolazione e risorse: strutture produttive nell’economia del mondo romano, organizzato a Napoli il 26 ottobre 2018; rappresenta il risultato di un progetto di ricerca inteso ad analizzare l’evoluzione economica, politica e sociale del territorio italico, principalmente della regio I, in epoca romana. Per questo specifico ambito geografico-amministrativo, si sono considerati aspetti e problemi relativi al paesaggio rurale, alle forme di produzione e al ruolo delle città, attraverso la rilettura di diverse tipologie di evidence (innanzitutto fonti letterarie e documentarie), sulla base del presupposto teorico che esista una stretta correlazione tra popolazione, sfruttamento delle risorse e urbanizzazione.

 

 

Downloads

Download data is not yet available.

Profili

Giovanna Daniela Merola, Università degli Studi di Napoli Federico II

Giovanna Daniela Merola è professore associato di Storia Romana e di Epigrafia Latina (ssd LANT/03) presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Napoli Federico II. I suoi principali campi di indagine nel corso di questi anni sono stati: l’organizzazione tributaria e amministrativa dell’impero romano, l’amministrazione della giustizia nelle province, il ruolo delle comunità urbane, l’attività commerciale nel Mediterraneo romano. Nell’esame di questi temi particolare attenzione è data alla documentazione epigrafica e papiracea.

Alfredina Storchi Marino, Università degli Studi di Napoli Federico II

Alfredina Storchi Marino, allieva di E. Lepore e dell’Istituto Italiano per gli studi storici, ha insegnato storia romana nell’Ateneo fridericiano fino al 2018. Si è occupata del problema storico della formazione della tradizione: in Numa e Pitagora. Sapientia constituendae civitatis, Napoli 1999, ha studiato il formarsi della tradizione sull’antistorico discepolato di Numa da Pitagora e i rapporti culturali e politici tra Roma e Magna Grecia. Nel campo della storia economica e sociale ha approfondito una serie di problemi inerenti alla schiavitù, al credito e all’usura, ai mercati periodici nell’Italia romana e agli interventi imperiali in caso di terremoti e calamità, alla peste di età antonina, ed altri. In quest’ambito ha collaborato con E. Lo Cascio alla organizzazione degli Incontri internazionali Capresi per storia dell'economia antica. Si è interessata di rituali religiosi arcaici (Argei, Quinquatrus etc.) e più di recente di temi storiografici (Beloch, Ciccotti, Gabba, Lepore), nonché di temi di storiografia antica (Diodoro Siculo).  Tra le altre monografie: Il mito di Spartaco nella letteratura fra settecento ed Ottocento: incidenza dell’antico, Napoli 2011; Donne in Roma antica. Identità società economia, Napoli 2013.

##catalog.coverImageTitle##
Pubblicato
February 10, 2021
Discipline

##monograph.miscellaneousDetails##

ISBN-13 (15)
978-88-6887-091-1
Data di pubblicazione (01)
2020-02-10
doi
10.6093/978-88-6887-091-1