Disrupting Historicity, Reclaiming the Future

##submission.authors##

Silvana Carotenuto
Università degli studi di Napoli "L'Orientale"
https://orcid.org/0000-0003-3189-2454
Francesca Maria Gabrielli
Università di Zagabria
Renata Jambrešić Kirin
Istituto di Ricerca di Etnologia e Folclore di Zagabria
https://orcid.org/0000-0002-4298-9000

Scheda

UniorPress2.jpg

Editore: UniorPress

Collana: Materia Postcoloniale

Pagine: 367

Lingua: Inglese

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn:nbn:it:unina-25090

Abstract: Questo volume è il risultato della stretta collaborazione tra l' Università di Napoli "L'Orientale" e gli studiosi che organizzano e partecipano a Dubrovnik, in Croazia, al corso post-laurea Feminisms in a Transnational Perspective. I contributi qui presentati impiegano diversi approcci concettuali alla teoria, alla storia, alla cultura e ai testi, e alla vita delle donne, alle loro esperienze e lasciti, per offrire re-visioni del passato e prospettive del futuro come un atto di responsabilità femminista.

 

Downloads

Download data is not yet available.

Profili

Silvana Carotenuto, Università degli studi di Napoli "L'Orientale"

Silvana Carotenuto è Professore Associato presso l’Università di Napoli “L’Orientale” dove insegna Letteratura Contemporanea di Lingua Inglese. I suoi campi d’interesse sono: la decostruzione, l’écriture feminine, gli studi culturali, postcoloniali e visuali. Ha tradotto in italiano Tre passi sulla scala della scrittura (Bulzoni, 2000) di Hèlene Cixous; il suo ultimo libro è dedicato a La lingua di Cleopatra. Traduzioni e sopravvivenze decostruttive (Marietti, 2009). Nel 2012, ha curato “Impossible Derrida. Works of Invention” (special issue) darkmatter vol. 8, dove ha pubblicato “Deriddean Cinders/ Sacred Holocausts”. Recentemente si è occupata di esilio, con un seminario internazionale offerto all’ISEA-Istanbul (2011), e quindi nella cura della rivista Anglistica - Issue 17 1 (2013), dedicata a “Writing Exile: Women, the Arts, and Technologies”. In pubblicazione sono la cura, con R. Jambresic Kirin e B. Prienda, di A Feminist Critique of Knowledge Production (UPress, 2014), che pubblica il suo “Photographic Difference: the ‘Only Side of Life’; ‘Go Wonder’: Plasticity, Dissemination and (the Mirage of) Revolution” in B. Bhandar e and J. Goldeberg-Hiller (eds.), Plastic Materialities: Politics, Legality, and Metamorphosis in the Work of Catherine Malabou, Duke University Press, USA (forthcoming 2015); e “Passages d’innocence: la différence photographique dans l’œuvre de Jacques Derrida”, Etudes Francaises (Les Presses de l’Université de Montreal, 2015).

Francesca Maria Gabrielli, Università di Zagabria
è attualmente impegnata come ricercatrice nelle attività post-dottorali presso la Facoltà di Lettere e Filosofia, Università di Zagabria, dove insegna corsi di Letteratura italiana moderna.Ha conseguito il dottorato nel 2015 presso l'Università di Zagabria.Le sue ricerche e pubblicazioni riguardano i settori della scrittura femminile rinascimentale e gli albori del femminismo.Dal 2015, è uno dei co-direttori del corso post-laurea Feminisms in a transnational perspective.  
Renata Jambrešić Kirin, Istituto di Ricerca di Etnologia e Folclore di Zagabria
Renata Jambrešić Kirin è Research Advisor presso l'Institute of Ethnology and Folklore Research di Zagabria nel campo della letteratura orale e della Storia delle donne.È stata a capo del progetto Gender and Nation: etnografia femminista e storiografia postcoloniale (2007-2013) e attualmente è a capo del progetto Narrating Fear (2017-2021).È co-direttore del corso post-laurea Feminisms in a transnational perspective (dal 2007). Ha pubblicato Dom i svijet: o ženskoj kulturi pamćenja (2008) e ha curato diversi volumiall'interno della serie Feminisms in a transnational perspective (2008, 2009, 2011, 2013, 2015)
##catalog.coverImageTitle##
Pubblicato
June 24, 2019

##monograph.miscellaneousDetails##

ISBN-13 (15)
978-953-8089-29-9
doi
10.6093/978-953-8089-29-9