La messa in scena del corpo regio nel regno di Sicilia: Federico III d’Aragona e Roberto d’Angiò

##submission.authors##

Mirko Vagnoni
Università di Friburgo (CH)
https://orcid.org/0000-0001-5752-4743

Scheda

BUP_Flying_book_thumbnail5.jpg

Collana: Mondi Mediterranei, 5

Pagine: 236

Lingua: Italiano

NBNhttps://nbn.depositolegale.it/urn:nbn:it:unina-26914

Abstract: Il volume analizza il corpo dei re di Sicilia concentrandosi sul valore performativo della sua dimensione fisica e materiale. Nello specifico, vengono indagati due determinati casi di studio: la narrazione del corpo di Federico III d’Aragona (1296-1337) nelle cronache del tempo e la raffigurazione del corpo di Roberto d’Angiò (1309-1343) nei suoi ritratti. L’intento è quello di verificare se tali re, nelle loro quotidiane attività di governo, fecero espressamente ricorso a una messa in scena teatralizzata del loro corpo reale o raffigurato. In altre parole, se volutamente, consapevolmente e studiatamente adottarono determinate caratteristiche fisiche al fine di trasmettere uno specifico messaggio di legittimazione e di rafforzamento dell’autorità regia, allo scopo di stimolare nei sudditi il consenso.

Downloads

Download data is not yet available.

Profilo dell'Autore

Mirko Vagnoni, Università di Friburgo (CH)

Mirko Vagnoni ha studiato alle Università di Siena (2004) e di Firenze (2008), è stato ricercatore presso Università e Istituti di ricerca in vari paesi stranieri e ha ottenuto l’Abilitazione Scientifica Nazionale a Professore di II fascia in Storia dell’arte (2020). Le sue ricerche si concentrano, prevalentemente, sulla messa in scena del potere nel regno di Sicilia tra XII e XIV secolo con una particolare predilezione verso l’iconografia e la sacralità regia e il rapporto tra politica e religione.

##catalog.coverImageTitle##
Pubblicato
February 2, 2021
Online ISSN
2704-7423

##monograph.miscellaneousDetails##

ISBN-13 (15)
978-88-31309-08-0
doi
10.6093/978-88-31309-08-0