La Mostra d’Oltremare nella Napoli occidentale. Ricerche storiche e restauro del moderno

Autori

Aldo Aveta
Università degli Studi di Napoli Federico II
Alessandro Castagnaro
Università degli Studi di Napoli Federico II
Fabio Mangone
Università degli Studi di Napoli Federico II

Keywords:

Mostra d’Oltremare, Napoli, architettura tra le due guerre, restauro del moderno

Sinossi

Logo_FedOAPress

Editore: FedOA - Federico II University Press

Collana:  Fuori Collana 

Pagine: 635

Lingua: Italiano

NBN: http://nbn.depositolegale.it/resolver.pl?nbn=urn:nbn:it:unina-27605

Abstract: Il presente lavoro nasce con un duplice obiettivo: andare più a fondo nella conoscenza di un caposaldo urbano e al tempo stesso contribuire a delineare per esso uno scenario futuro adeguato al suo valore, a partire da un corretto recupero delle multiformi e pregiate architetture che lo compongono. La necessità di approfondimento ha riguardato azioni e temi plurimi: esaminare il retroterra del progetto della Mostra d’Oltremare, individuato nei nuovi studi non soltanto nel dibattito cittadino su un adeguato spazio per le esposizioni da collocarsi preferibilmente ad occidente, ma anche in interessanti e autoriali soluzioni preliminari, finora sconosciute, che hanno condizionato la conformazione definitiva; mettere in luce la specificità dei singoli elementi del complesso, sopravvissuti o scomparsi, senza limitarsi ai casi più noti e celebrati, ma anche a quelli meno indagati e più difficili da interpretare, senza trascurare gli spazi aperti e il verde; approfondire anche quelle architetture non interpretabili nella linea della modernità, e tuttavia ugualmente emblematiche di quella fase, per cui meritevoli di conservazione; non limitare l’attenzione alla fase eroica, ancorché discutibile, della prima fondazione, ma analizzare con la medesima acribia anche quelle successive, a partire dalla problematica ricostruzione e risignificazione del Dopoguerra; non arrestarsi alla pur vasta ricognizione sistematica di fonti indirette finora non indagate – dai tanti archivi, a scala non solo cittadina ma nazionale, ai quotidiani e alla stampa coeva – ma interrogare con metodo scientifico le stesse consistenze materiali degli edifici; infine, non direzionare lo sguardo solo sul passato e sulla storia della Mostra e delle singole architetture, ma proiettarlo sul futuro individuando le migliori strategie di recupero, restauro e conservazione.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Biografie autore

Aldo Aveta, Università degli Studi di Napoli Federico II

Aldo Aveta, professore ordinario f.r. di restauro architettonico nell’Università di Napoli Federico II, è stato Direttore della Scuola di specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio dal 2010 al 2017. Ha coordinato Corsi di laurea specialistici e di Dottorato di ricerca in Restauro e Conservazione, nel Dipartimento di Architettura. Ha svolto intensa attività didattica ad Architettura e ad Ingegneria, sia nei corsi istituzionali, che nella Scuola citata, è impegnato in Master di II livello. È autore di molteplici volumi e saggi nel campo del restauro architettonico e urbanistico, del consolidamento e della legislazione dei beni culturali, nonché curatore o co-curatore di significative pubblicazioni, frutto anche di convenzioni universitarie. Si citano, tra le altre: Castel Capuano. La cittadella della cultura e della Legalità. Restauro e valorizzazione (2013); Castelnuovo in Napoli. Ricerche integrate e conoscenza critica per il progetto di restauro e di valorizzazione (2017); La Baia di Napoli. Strategie integrate per la conservazione e la fruizione del Paesaggio culturale (2017); Patrimonio architettonico e qualità dei restauri tra conoscenza e progetto (2018); Proposte per il futuro di Napoli (2019).

Partecipa quale relatore a convegni scientifici nazionali ed internazionali.

È Direttore delle collane editoriali RestauroConsolidamento (Edizioni Scientifiche Italiane) e Frequenze (artstudiopaparo). È componente dei comitati scientifici internazionali e nazionali delle seguenti Collane: Architettura e restauro (Nardini), Confronti (Art’em), Architetture e restauri  (Art’em), MonumentoDocumento (Arakne), Architettura e Conservazione (Artstudiopaparo), Rassegna ANIAI (Associazione Ingegneri e Architetti della Campania).

È socio onorario di SIRA, Associazione docenti italiani di Restauro. È componente dell’Osservatorio sulla Qualità dell’Architettura presso la Regione Campania. Dal 2018 è Presidente di INNOVA scarl (Centro per lo sviluppo ed il trasferimento dell’innovazione nel settore dei beni culturali ed ambientali).

Alessandro Castagnaro, Università degli Studi di Napoli Federico II

Alessandro Castagnaro, Professore di Storia dell’architettura presso il Dipartimento di Architettura (DiARC) dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, dove insegna al corso triennale in Scienze dell’architettura e a quello specialistico in Design per l’ambiente costruito. Insegna alla Scuola di Specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio di Napoli. Ha insegnato per tre anni accademici Storia dell’architettura e dell’arredamento presso la Facoltà di Architettura Valle Giulia dell’Università di Roma “La Sapienza” e presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell’Università di Siena. È componente del Consiglio di Direzione del Master di II livello “Progettazione di eccellenza per la città storica” dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, di cui è coordinatore e docente al laboratorio di ricerca storico-critica.

Ha presieduto la Commissione Cultura del DiARC dal 2012 al 2017. Afferente all’Istituto di Ricerca su Innovazione e Servizi per lo Sviluppo (IRISS), un organo del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), e ai Centri interdipartimentali di ricerca URBAN/ECO, CIRICE e BAP della “Federico II” di Napoli. Dal 2014 è componente del gruppo di lavoro per il progetto “Distretti di alta tecnologia DATABENC” – SNECS Social Network delle Entità dei Centri storici. Su incarico del Ministero, è stato componente del Comitato Scientifico per il “Censimento nazionale delle architetture del secondo Novecento – aggiornamento e completamento della ricerca in Campania” in collaborazione con le soprintendenze e gli istituti del MIBACT sul territorio.

Delegato del Rettore per la costituzione di un Centro di documentazione e raccolta di pubblicazioni, documenti, progetti e prodotti d’arte donati all’Ateneo “Federico II”. Nominato dal Rettore coordinatore scientifico del Tavolo Tecnico costituito per la conoscenza, il restauro e la valorizzazione del Muro Greco all’interno del cortile della Minerva nella Sede centrale della “Federico II” e per la divulgazione dei risultati.

È autore di vari libri con importanti case editrici e di numerose pubblicazioni in volumi e su riviste specializzate sui temi della storia dell’architettura contemporanea, con maggiori approfondimenti per l’area geografica del Mezzogiorno d’Italia.

Ha organizzato mostre, convegni e conferenze su tematiche relative all’architettura contemporanea, alla conservazione, al restauro e alle implicazioni culturali nei centri storici e sulle trasformazioni urbane, sul rapporto antico/nuovo e temi sulla cultura e salvaguardia del paesaggio. Ha partecipato in qualità di relatore a numerosi convegni nazionali e internazionali, curandone in molte occasioni la pubblicazione degli atti.

È direttore della collana “Architettura e Conservazione” edita da Paparo Edizioni e, per lo stesso editore, co-direttore della collana “Storia Critica Architettura Città”. È componente del comitato scientifico di diverse collane editoriali, tra cui “Frequenze_conservazione/restauro” e “Grandi Opere” di artstudiopaparo e “Città e Architettura – Piani e Progetti” di Editoriale Scientifica. È direttore responsabile della rivista «Rassegna aniai», pubblicazione trimestrale dell’Associazione Ingegneri ed Architetti della Campania, e, dal 2015, componente del comitato scientifico della rivista «Eikonocity», di Storia e Iconografia delle Città e dei Siti Europei. È redattore delle riviste di classe A «Op. Cit.», di selezione della critica d’arte contemporanea, e «Ananke», trimestrale di cultura, storia e tecniche della conservazione per il progetto. 

È stato componente del gruppo vincitore del concorso internazionale di progettazione per il restauro del Tempio-Duomo di Pozzuoli (Rione Terra), capogruppo Marco Dezzi Bardeschi.

È tra gli estensori della proposta di Disegno di Legge recante Norme in materia di governo del Territorio, approvata dalla Giunta Regionale della Campania nella seduta del 29.10.2019, e in corso di discussione, e della Legge Regionale 11 novembre 2019, n. 19, intitolata “Legge per la promozione della qualità dell’architettura”.

È stato presidente della Commissione Edilizia del Comune di Napoli dall’ottobre 2013 al 2016 e, dal 2017 al 2020, presidente della Commissione Locale del Paesaggio del Comune di Napoli.

Scrive sulla pagina della cultura de «Il Mattino» e di altri quotidiani e riviste di settore.

Fabio Mangone, Università degli Studi di Napoli Federico II

Fabio Mangone, Ordinario di Storia dell’Architettura, Coordinatore responsabile del Dottorato in Architectura, Membro dei Comitati scientifici: Parco Archeologico di Paestum e Velia; Museo Correale di Sorrento.

Fabio Mangone è nato a Napoli nel 1965. Laureato con lode in Architettura all’Università di Napoli, nel 1989,  ha conseguito il dottorato in Storia dell’architettura e dell’urbanistica all’Università di Firenze, nel 1993. Insegna all’Università di Napoli dal 1995, e come professore ordinario dal 2005. Ha pubblicato numerosi lavori monografici e collabora con important riviste scientifiche, Ha scritto voci per dizionari e ha coordinato progetti di ricerca in ambito nazionale e internazionale, tra cui quelli per le celebrazioni del 150° anniversario della Unità di Italia. Ha preso parte come collaboratore o come coordinatore a numerose mostre di architettura e ha partecipato come relatore a oltre 100 convegni in ambito nazionale e internazionale.

Tra i principali volume monografici:

 Arata a Napoli tra liberty e neoeclettismo, Electa-Napoli 1990

Architettura e politica. Ginevra e la Società delle Nazioni 1925-29, Officina, Roma 1992

Marcello Nizzoli. Disegni d'architettura 1917-1918, Electa-Napoli 1992

Giulio Ulisse Arata. L'opera completa, Electa-Napoli 1993

Alvar Aalto, Roma-Bari 1993

Pietro Valente, Electa-Napoli 1996

Saverio Dioguardi, Adda, Bari 1996

Alfredo Melani e l’architettura moderna in Italia, Officina, Roma 1998.

Napoli. I Musei del territorio, Biblos, Padova 1998

Antonio Curri, Electa-Napoli 1999

Dall’Accademia alla Facoltà, Hevelius, Benevento 2001

Verso il Vittoriano. L’Italia unita e i concorsi di architettura, Electa-Napoli 2002

Viaggi a sud. Gli architetti nordici e l’Italia 1850-1925, Electa-Napoli 2002

Dizionario dell’architettura del XX secolo. Immagini e temi, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma, Torino-Londra-New York, 2004.

Cimiteri napoletani. Storia, arte e cultura, Massa, Napoli 2004

Capri e gli architetti, Massa, Napoli 2004

Architettura e arti applicate tra teoria e progetto, Electa-Napoli, Napoli 2004

Ettore Bernich architetto 1850-1914., Prospettive, Roma 2006

L’architettura della memoria in Italia., Skira, Milano 2007

La Facoltà di Architettura dell’Ateneo fridericiano di Napoli 1928/2008,  Clean, Napoli 2008

Il palazzo della Prefettura di Salerno, Massa, Napoli 2009

Chiaja Monte Echia e Santa Lucia, Grimaldi, Napoli 2009

Salerno. Il palazzo di città,  Paparo, Napoli 2010 

Centro storico, Marina e Quartieri spagnoli., Grimaldi, Napoli 2010

Il Viminale, 1911-2011., Orbicolare., Milano-Bari, 2010

Il palazzo della Prefettura di Ancona.,  Massa, Napoli 2010

Architettare l’Unità, Paparo, Napoli 2011

Benevento. I palazzi della Prefettura e della Provincia, Orbicolare, Milano-Bari, 2011

Il Viminale, Orbicolare., Milano-Bari, 2011

Castelcapuano da reggia a tribunale., Massa., Napoli, 2011

Il palazzo del Banco di Napoli, Arte’m, Napoli, 2011

Posillipo Fuorigrotta e Bagnoli, Grimaldi, Napoli 2011

Capodimonte, Materdei, Vomero, Grimaldi, Napoli 2012

I palazzi della Borsa nella storia., De Rosa, Napoli, 2013

Architettura e paesaggi della villeggiatura in Italia tra Otto e Novecento, FrancoAngeli, Milano 2015

Immaginazione e presenza dell’antico. Pompei e l’architettura di età contemporanea, Paparo, Napoli 2016.

Il quartiere borbonico di via Morelli e la Caserma della Vittoria, Grimaldi, 2017

Immaginare il Mediterraneo. Architettura, arti, fotografia, Artstudiopaparo, Napoli 2017

Le Corbusier e noi,  CLEAN, Napoli 2018

Da Palazzo Como a Museo Filangieri., Grimaldi & C. Editori, Napoli 2019

Palazzo Fizzarotti, Sferaedizioni, Bari 2019

Il palazzo dell’Acquedotto Pugliese nell’architettura italiana del Novecento, Adda, Bari 2019

“L’Emblema dell’eternità”. Il Tempio di Nettuno a Paestum, ETS, Pisa 2019

 

 

 

 

copertina del volume

##submission.downloads##

Pubblicato

September 10, 2021

Licenza

Creative Commons License

TQuesto lavoro è fornito con la licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Dettagli su questo libro

ISBN-13 (15)

978-88-6887-097-3

Data di pubblicazione (01)

2021-09-10